Miracles (someone special)

C’è un passo del Vangelo secondo Luca che ho trascritto su un A4 e appeso di fronte al letto nella mia camera. Dice così: 

“… visse in regioni deserte fino al giorno della sua manifestazione ad Israele.”

Lo leggo tutte le mattine appena sveglia e credo anche tra le 20 e 40 volte durante il giorno. È un messaggio che mi dà speranza. 

Molto spesso viviamo giorni, mesi, anni in regioni deserte, dove non accade nulla, dove soffriamo la sete, dove non cogliamo frutti. Regioni in cui ci si sente smarriti, non sappiamo più esattamente da quale strada siamo arrivati e quasi non sappiamo più esattamente perché siamo lì. Regioni deserte della vita, della mente, del cuore. 

Periodi lunghi di caldo torrido in cui fatichiamo anche a muoverci. Giorni di afa in cui non respiriamo. Ore infinite di stasi in cui il tempo non passa mai. Settimane, mesi, anni in cui smarriamo la via, noi stessi, il significato di tutte le cose. “Ma come diavolo ci sono arrivato qui?” Momenti in cui manderemmo tutto all’aria: sogni, progetti, speranze… E probabilmente quell’aria pesante ci sbatterebbe tutto in faccia, peggio di prima.

Quel “… Fino al giorno della sua manifestazione…” è la chiave. Ci deve essere una ragione alle regioni deserte. Un senso a questo andare. Un lieto fine, fosse anche solo perché il cinema ci ha insegnato così e a noi piace sognare. Un giorno in cui torneranno i conti, che la matematica almeno non è un’opinione. Un giorno in cui tutto avviene, perché vivere non può essere una cosa arida. Ci dovrà essere un momento di eterno su questa terra, fosse anche solo perché lo abbiamo letto nelle sacre scritture. Una promessa, una liberazione.

Si dice che ognuno viva la vita che intende vedere. Non che vede o che ha visto. Che intende vedere. In quella tensione c’è tutto il futuro. Ci sono tutte le speranze. Tutte le risposte ai perché. Tutto il dentro di noi e tutto il fuori del mondo. A quella manifestazione io tendo. 

Tutto questo mentre ascolto Miracles (someone special) dei Coldplay, la canzone che hanno dedicato a Mohammed Alì e immagino come possano essere state le sue di regioni deserte. E poi immagino le regioni deserte dei Coldplay, quelle di Chris Martin, quelle dei loro tecnici, quelle dei loro fan, quelle delle persone che erano con me al concerto, quelle delle persone che amo, quelle  … E da quei deserti quanti miracoli sono avvenuti e quanti ancora sono in attesa di avvenire. 

Miracles (someone special)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...